La fatica di Oberndorf vale la secondaTrifecta

Il giorno della gara siamo tutti un pò nervosi, perchè avendo già provato l’esperienza dell’anno scorso, sappiamo a cosa andiamo incontro, e cioè una prova molto dura ed interminabile.

Una volta partiti ci rendiamo subito conto che il percorso è l’esatto contrario di quello dell’anno precedente, infatti ci imbattiamo subito negli ostacoli e nelle difficoltà di una enorme cava, con un laghetto freddissimo da attraversare a nuoto, il giavellotto, secchi di sabbia da trasportare, un peso da trascinare e tanti sali e scendi; da qui la gara si sposta in una parte di bosco, con sentieri molto stretti, prove di equilibrio e di forza, piccoli torrenti con rocce molto scivolose da attraversare e, completate tutte queste prove, inizia la prova più dura di tutte: la salita sulla montagna! Una salita molto ripida, interminabile, dove a metà abbiamo attraversato un tratto con il filo spinato sull’erba, sempre più su abbiamo dovuto trasportare un sacco del peso di 20kg o forse più tra buche, fango e dislivelli.

Arrivati in cima, inizia una bella discesa parecchio ripida, altri ostacoli da superare, tra cui pareti di legno alte 3 mt e catene nautiche da trasportare, altri ostacoli di equilibrio e, una volta giunti a valle, dobbiamo percorrere quasi 1,5 km in un sentiero molto stretto e pieno di rovi, dove appena fuori si presenta il campo gara con una serie di ostacoli da superare, la corda tibetana, la classica corda da arrampicarsi da 5 mt, il multi rig o monkey bar, una piramide fatta di assi di legno, un percorso completamente infangato da fare sotto il filo spinato, 5 pozze di fango e per ultimo il cargo.

Le nostre prestazioni: Jacopo fa una bella gara, gestisce molto bene le energie e da il meglio di se nelle salite, sbaglia solo 3 ostacoli che li costano 90 burpees, Simone, indeciso fino all’ultimo se partire o meno per un forte raffreddore, partecipa lo stesso alla gara, fa quello che può, sbaglia 3 ostacoli e finisce la gara discretamente nonostante le difficoltà, Santino parte con una condizione fisica non all’altezza della gara, si porta dietro problemi muscolari di vecchia data che li condizionano la gara, sbagliando ben 6 ostacoli che li costano 180 burpees e chiudendo allo sfinimento la gara. I risultati

Organizzazione impeccabile, percorso segnalato bene e ben strutturato, giudici sempre attenti e gente comune sempre pronta ad incitarti, è stato un bel week end di sport e amicizia e ci torneremo sempre molto volentieri.

GALLERY:

About the Author

By admin7594 / Administrator, bbp_keymaster on Set 19, 2016