Verona Force Run, il racconto

Verona, 18/06/2017. Terza edizione della Verona Force Run e terza tappa del campionato italiano OCR, decisamente migliorata rispetto all’anno scorso nel tracciato e negli ostacoli. Giornata tipicamente estiva.
Questa tappa presenta per noi una grande novità, l’ingresso nel team dell’amico messinese Walter Pace, atleta di tutto rispetto.
La gara si è svolta in città, tra piccoli tratti di asfalto, molta erba e sterrato e qualche breve ma ripida salita all’interno del Parco Bastioni per un totale complessivo di circa 12 km. Nel complesso ci è piaciuta molto, è stato un percorso più adatto ai velocisti.
Per quanto riguarda gli ostacoli, sono da segnalare una parete con pietre a vista da superare in altezza, un breve attraversamento dell’adige, 2 fili spinati con molto fango, un’ostacolo di equilibrio con dei tronchi, il trasporto di un peso di 25kg all’interno di un cunicolo buio, una monkey bar e un’altra monkey bar fatta a piramide, dove bisognava arrivare fino in cima senza l’aiuto delle gambe.
Le prestazioni dei ragazzi, Simone fa un’ottima gara, restando per molti kilometri insieme ad alcuni top runner di questa specialità, molla solo nel finale, portando a casa comunque un buon risultato, Elisa fa una grande prestazione considerando la poca forma fisica per il recupero dall’infortunio, mantiene tutti e tre i braccialetti e gestisce bene la corsa usando bene la testa, Walter di poco dietro a Simone, fa una buona prestazione, mantenendo sempre ritmi alti nella corsa, l’unica pecca, aver perso tempo in due ostacoli per una banale svista, Santino tiene un buon ritmo nella corsa, i progressi sotto questo aspetto sono molto buoni, meno invece quelli per la forza e resistenza, infatti perde un braccialetto alla monkey bar fatta a piramide e perde un sacco di tempo all’ultimo ostacolo, un container da oltrepassare.

I nostri complimenti vanno a tutto la staff, volontari in primis, che hanno reso tutto molto più semplice, ai vigili per aver svolto egregiamente il loro lavoro smistando il traffico, e a tutta l’organizzazione in generale per aver fornito a tutti un degno servizio.

Uniche due defezioni anche a sentire da altri atleti sono stati 2 ostacoli che hanno creato 2 tappi durante lo svolgimento della gara, il primo muro con le pietre da arrampicarsi con la corda e il terz’ultimo ostacolo ; i copertoni da ribaltare nel doppio senso erano solo 4 e questo ha scatenato delle lamentele tra gli atleti. Ancora da capire invece la dinamica sulle donne, dove alcune pare abbiamo sbagliato il tracciato erroneamente.

La giornata si è conclusa con un super pranzo presso l’ Hosteria Moderna che ha visto la partecipazione di circa 50 atleti.

Prossimo appuntamento per i goduriosi sarà a Noceto per la Farm Run il prossimo 24 giugno

About the Author

By admin7594 / Administrator, bbp_keymaster on Giu 20, 2017